14. Antonio Prete

INTERVISTA AD ANDREA LANDOLFI

Intervista realizzata a Siena nel maggio del 2013.

 

Andrea Landolfi è professore di lingua e letteratura tedesca presso l'Università di Siena. Traduttore, amico e collega di Antonio Tabucchi.

 

- Tabucchi e l'Italia, un rapporto complesso.

Si capiva che lui non stava più bene qui in Italia; quello che mi colpiva di Antonio era questo suo bisogno veramente estremo di verità.

Lui rifuggiva, poteva anche essere terribilmente ruvido quando sentiva nell'aria puzza di inautenticità, e credo che la sua passione civile venga da li, da questo amore, da questo bisogno di verità e autenticità.

Credo che l'Italia, e penso di non dire niente di originale, gli andava sempre più stretta.

D'altra parte la sua passione civile, che era appunto amore per la verità, verità nella vita e nei rapporti, era la stessa che poi gli fece scrivere quella meravigliosa lettera contro quel gruppo di intellettuali che si era schierato a favore di Cesare Battisti.

Per lui era assolutamente impossibile schierarsi in modo banale o prevedibile; certo il rapporto con l'Italia, diciamo quella dell'epoca berlusconiana, non poteva che essere un rapporto estremamente infelice.

 

Diego Perucci