°RUA DA SAUDADE 22° il documentario

images

Rua da Saudade 22 è il primo film documentario dedicato ad Antonio Tabucchi; alle interviste effettuate ad amici, colleghi e compagni di una vita, si affianca un viaggio vero e proprio, attraverso i luoghi che lo ospitarono e lo accolsero. Da Siena a Vecchiano, suo paese natale, da Genova a Bologna, da Firenze a Roma, da Pisa a Piadena, a Reggio Emilia, sin fuori dai confini nazionali, da Lisbona, città che ospita le sue spoglie, a Parigi, dove è conservato il Fondo Tabucchi, presso la Biblioteca Nazionale di Francia. A partire da Rua da Saudade 22 si snoda un percorso che attraversa il tempo, i luoghi, la letteratura e i sogni.

Un documentario di Diego Perucci, Samuele Mancini e Matteo Garzi.

Regia: Diego Perucci.

Montaggio: Matteo Garzi.

Riprese: Diego Perucci, Samuele Mancini e Matteo Garzi.

La voce fuori campo è di Marino Bellini.

Musiche originali di Fedele Messina.

Durata: 65 minuti.

Per vedere il trailer ufficiale clicca qui e qui

Antonio Tabucchi, scrittore, docente universitario a Siena, Genova, Bologna e intellettuale fra i più attivi e brillanti della nostra epoca, si considerava cittadino libero di un mondo libero.
A fronte di una bibliografia sterminata e di molti film tratti dai suoi libri e dalle sue storie, Antonio Tabucchi fu insignito di numerosi e importanti premi, sia italiani che stranieri, inserendosi di diritto nell’Olimpo dei più grandi scrittori del Novecento. Scomparso nel marzo del 2012 nella sua amata Lisbona, questo documentario intende introdurre lo spettatore alla figura di Tabucchi, attraverso la memoria e la poesia che caratterizza la sua letteratura. Partendo da una ricerca lettararia sullo scrittore toscano, Rua da saudade 22 vuole ricostruirne anche l’uomo. 

FotoJet Collagen

Gli intervistati:

-Gianfranco Azzali, detto Micio, fondatore della Lega della Cultura Di Piadena, amico di Antonio Tabucchi. (Piadena, Cremona).

-Davide Benati, pittore e amico di Antonio Tabucchi. (Reggio Emilia).

-Maurizio Bettini, scrittore e docente dell’Università degli studi di Siena. (Siena).

-Maurizio Boldrini, docente dell’Università degli studi di Siena. (Siena).

-Alfonso Diego Casella, scrittore e amico di Tabucchi. (Siena).

-Bernard Comment, scrittore, traduttore per il francese di Antonio Tabucchi. (Parigi).

-Salvatore Di Cosmo, docente dell’Università degli studi di Siena e medico di Tabucchi. (Siena).

-Paolo Di Paolo, scrittore e amico di Tabucchi. (Roma).

-Anna Dolfi, docente dell’Università degli studi di Firenze e curatrice del libro postumo Di tutto resta un poco. (Firenze).

-Roberto Francavilla, docente dell’Università degli studi di Genova, allievo a Genova e poi collega di Tabucchi a Siena. (Genova).

-Marie Odile Germain, conservatrice presso la BNF, Biblioteca Nazionale di Francia. (Parigi).

-Riccardo Greco, allievo di Tabucchi a Siena, docente dell’Università degli studi di Siena, editore. (Siena).

-Maria José de Lancastre, moglie di Tabucchi. (Lisbona).

-Andrea Landolfi, docente dell’Università degli studi di Siena. (Siena).

-Massimo Marianetti, amico di Tabucchi. (Vecchiano).

-Arnaldo Massei, amico di Tabucchi. (Vecchiano).

-Paolo Mauri, critico letterario, giornalista de La Repubblica e amico di Tabucchi. (Roma).

-Antonio Melis, docente dell’Università degli studi di Siena. (Siena).

-Giuseppe Morandi, membro della Lega della Cultura di Piadena, documentarista, fotografo, amico di Antonio Tabucchi. (Piadena, Cremona).

-Mariano Nencini, amico di Tabucchi. (Vecchiano).

-Luciano Peccianti, avvocato. (Siena).

-Massimo Popolizio, attore e doppiatore. (Roma).

-Antonio Prete, scrittore e docente dell’Università degli studi di Siena. (Siena).

-Don Alessandro Santoro, prete Comunità Le Piagge e amico di Tabucchi. (Firenze).

-Fabrizio Sbrana, fotografo e amico di Tabucchi. (Vecchiano).

-Michele Tabucchi, figlio di Tabucchi. (Lisbona).

-Tadahiko Wada, traduttore giapponese di Antonio Tabucchi. (Bologna).

-Richard Zenith, studioso di Fernando Pessoa, traduttore e amico di Tabucchi. (Lisbona).

Per vedere il trailer ufficiale clicca qui e qui