img070

SPIAGGE BIANCHE BIANCHE

Rosignano Solvay. Un paese sviluppatosi agli inizi del ’900 in seguito agli investimenti dell’imprenditore e politico belga Ernest Solvay, che decise di costruirvi uno stabilimento per la fabbricazione della soda all’avanguardia.

In breve tempo nei terreni attorno alla fabbrica sorse un nucleo urbano: strade, viali, case, centri ricreativi e dopo-lavoro erano stati costruiti per ospitare un numero sempre crescente di impiegati e operai.

Negli anni, la presenza dello stabilimento ha causato l’inquinamento del tratto di costa situato a sud dell’abitato. Le cosiddette spiagge bianche sono infatti formate dagli scarichi dell’adiacente industria chimica; per il 90% è calcare cotto e finemente tritato e per il 10% circa cloruro di calcio che, assomigliando molto alle spiagge tropicali, attirano, nella stagione estiva, numerosissimi turisti, rimanendo una meta balneare molto frequentata. Il sito, secondo l’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente), è tra i 15 tratti costieri più inquinati del Mediterraneo. http://ncozziinfinito.wix.com/nicco

1a  3a

4a  5a

6a  IMG_9859

img082  img040

4b  5b

6b  img038

7b  8b

9b  img051

img062  img069

img114  img025

www.niccolocozzi.com

Fotografie di Niccoló Cozzi

f